Skip Navigation Links Skip Navigation Links
Skip Navigation Links

Skip Navigation Links
Skip Navigation Links
Skip Navigation Links
Skip Navigation Links
Skip Navigation Links
Skip Navigation Links

Skip Navigation Links

regolazione dei pagamenti del Mercato Elettrico

Ai fini della regolazione dei pagamenti sul MGP e sul MI, considerata W la settimana in cui l’energia oggetto di negoziazione è andata in consegna, il periodo di settlement delle partite economiche relative al MGP e al MI è la settimana W+1.
Il primo giorno lavorativo della settimana W+1 il GME determina per ogni operatore la posizione netta, debitrice o creditrice, nei confronti del GME stesso (netto a regolare) sulla base degli importi, comprensivi di IVA ove applicabile, afferenti le transazioni in acquisto e in vendita concluse sul MGP e sul MI nella settimana W - che va dal lunedì (T-6) alla domenica (T) – in cui l’energia oggetto di negoziazione è andata in consegna.

Ai fini della regolazione dei pagamenti sul MPEG e sul MTE, considerato M il mese in cui l’energia oggetto di negoziazione è andata in consegna, il periodo di settlement delle partite economiche relative al MPEG e al MTE è il mese solare M+2.
Il GME determina per ogni operatore la posizione netta, debitrice o creditrice, nei confronti del GME stesso (netto a regolare) sulla base degli importi, comprensivi di IVA ove applicabile, afferenti alle fatture emesse e ricevute dal GME relativamente allo stesso periodo di fatturazione.

 

Ove possibile, il GME determinerà ai soli fini dell’effettuazione dei pagamenti, secondo le modalità definite nelle DTF, l’importo complessivo dovuto dall’operatore con riferimento alle partite economiche concluse sul MGP, il MI, il MPEG, il MTE ed i diversi mercati/piattaforme gestiti dal GME.

Ai fini della presentazione di offerte sul ME, a seguito dell’avvenuta ammissione il GME invia all’operatore (ad esclusione delle amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 209 della Legge 24 dicembre 2007, n. 244 - operatori PA) il modello di autorizzazione all’addebito delle disposizioni SEPA Direct Debit Business to Business (nel seguito: “Autorizzazione SEPA”), che dovrà essere compilato, sottoscritto e trasmesso in originale (esclusivamente la copia per il soggetto creditore) al GME, unitamente alla relativa comunicazione delle coordinate bancarie che dovrà essere sottoscritta dal soggetto munito dei necessari poteri di rappresentanza e trasmessa al GME mediante l’apposito modello.

Qualora, in un successivo momento, intervengano variazioni dei dati e delle informazioni di cui all’Autorizzazione SEPA, l’operatore dovrà comunicare tempestivamente, tramite PEC all’indirizzo di posta certificata del GME o a mezzo telefax-simile, tali circostanze mediante una comunicazione su carta intestata della società ed a firma di un legale rappresentante, corredata dal documento d’identità dello stesso.

Esclusivamente per gli operatori PA, qualora gli stessi in esito alle determinazioni di cui sopra risultino debitori netti del GME, quest’ultimo provvederà a soddisfare i propri crediti, una volta completato il processo di fatturazione di cui alla normativa in tema di fatturazione elettronica nei confronti delle amministrazioni di cui sopra, utilizzando fino a capienza il deposito infruttifero in contanti prestato dagli stessi operatori come garanzia.

Il settlement del mercato elettrico si articola secondo un apposito CALENDARIO e prevede l’utilizzo dello strumento SDD B2B per la regolazione da parte dell’operatore delle partite debitorie nette.
Il GME procede, tramite Sepa Credit Transfer Urgente/Priority con valuta in pari data, ad effettuare i pagamenti a favore della generalità (ovvero operatori PA e non PA) dei propri creditori netti.
Il ciclo di regolazione finanziaria dei pagamenti tramite SDD B2B si articola, a titolo esemplificativo, secondo le seguenti tempistiche standard:

 

Gli operatori debitori netti che non rendono disponibile la liquidità necessaria in tempo utile a garantire l’addebito tramite SDD B2B possono far pervenire, entro le ore 16:00 del terzo giorno lavorativo successivo alla data di addebito disposta dal GME tramite SDD B2B, il pagamento dell’importo dovuto maggiorato di interessi e penale tramite Sepa Credit Transfer Urgente/Priority, secondo quanto definito nelle DTF utilizzando le seguenti coordinate bancarie:

Banca Popolare di Sondrio
IBAN IT58 E056 9603 2110 0000 7210 X36
SWIFT CODE POSOIT22

Qualora il GME, per cause ad esso imputabili, effettui i pagamenti oltre i termini previsti, agli operatori creditori sono riconosciuti interessi applicando un tasso pari a quello riconosciuto al GME sulle giacenze sui conti di tesoreria pari al tasso Euribor a tre mesi base 365, con floor a zero, calcolato come media delle quotazioni di tale indicatore per ciascun giorno del mese di riferimento, al quale andranno aggiunti 50 basis points.
 
Pagamento dei corrispettivi

Il pagamento dei corrispettivi variabili dovuti per tutte le transazioni effettuate sul Mercato Elettrico viene effettuato dagli operatori tramite Sepa Credit Transfer Urgente/Priority con bonifico bancario a favore del GME entro il 16° giorno lavorativo del mese in cui la/e relativa/e fattura/e è/sono stata/e resa/e disponibile/i agli operatori. Tale tempistica resta valida anche con riferimento agli operatori di cui all’articolo 1, comma 209 della Legge 24 dicembre 2007, n. 244 (operatori PA), risultando la stessa compatibile con l’applicazione delle previsioni contenute nella Legge n. 244/2007 e relative disposizioni attuative.

Inoltre, ogni operatore deve far pervenire, tramite Sepa Credit Transfer Urgente/Priority, il pagamento degli importi dovuti per:
  • il corrispettivo di accesso, entro trenta giorni calendariali dalla data di emissione della relativa fattura;
  • il corrispettivo fisso annuo, entro l’ultimo giorno lavorativo del mese in cui è stata emessa la relativa fattura.
 
Skip Navigation Links